cigs

Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria – CIGS – Procedura per l’accesso

PoliS Lombardia supporta Regione Lombardia nelle procedure per l’accesso alla Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria – CIGS per crisi aziendale o riorganizzazione, riguardanti una o più unità operative ubicate in Lombardia.

 

Presso l’Istituto si svolge l’esame congiunto in sede pubblica sulla situazione aziendale previsto nella fase di consultazione sindacale.

 

Dal 1 luglio 2017 tutta la procedura avviene esclusivamente tramite l’applicativo telematico VertenzeOnLine.

  • Con VertenzeOnLine è possibile:
  • avviare la domanda di esame congiunto in sede pubblica,
  • inviare tutte le altre comunicazioni riguardanti la procedura (eventuale accordo sindacale sottoscritto dalle parti prima dell’esame congiunto, richiesta di rinvio della convocazione, comunicazione di revoca della procedura).

L'azienda che intende ricorrere alla Cigs per Crisi o per Riorganizzazione aziendale deve darne preventiva comunicazione alla Rsu aziendale (se presente) ed inoltre alle organizzazioni territoriali sindacali di categoria comparativamente più rappresentative a livello nazionale, indicando le cause di sospensione o di riduzione dell'orario di lavoro, l'entità e la durata prevedibile, il numero dei lavoratori interessati.

Entro tre giorni dalla comunicazione di cui sopra l’imprenditore o gli organismi rappresentativi dei lavoratori (RSU o OO.SS.) devono presentare domanda di esame congiunto della situazione aziendale: • al competente ufficio della Regione, nel caso di unità aziendali ubicate in una sola Regione.

 

Durata della procedura di esame congiunto L’intera procedura di consultazione, attivata dalla richiesta di esame congiunto, deve esaurirsi entro i 25 giorni (10 giorni per le aziende fino a 50 dipendenti) successivi a quello di ricezione, da parte del competente ufficio di PoliS-Lombardia, della relativa richiesta.

Oggetto dell’esame congiunto in sede pubblica sono i contenuti del Programma di riorganizzazione aziendale o di crisi aziendale:

 

• piano degli interventi, oppure piano di risanamento

• decorrenza prevista dell’intervento di CIGS

• durata del programma

• numero dei lavoratori interessati

• ragioni che rendono non praticabili forme alternative di riduzione di orario

• misure previste per la gestione delle eccedenze di personale

• criteri di scelta dei lavoratori da sospendere

• modalità della rotazione tra i lavoratori oppure ragioni tecnico-organizzative della mancata adozione di meccanismi di rotazione.

 

I rappresentanti delle Parti sociali devono inoltre dichiarare espressamente la non percorribilità del Contratto di solidarietà. La dichiarazione non è dovuta per le imprese edili e affini.

La legge non prevede che al termine dell'esame congiunto le parti raggiungano un accordo sindacale. Deve essere comunque redatto un verbale nel quale vengono riportate le problematiche trattate durante l'esame congiunto e le decisioni eventualmente raggiunte.

Cliccando sul link sotto riportato è possibile accedere ad una raccolta della principale normativa in vigore relativa agli ammortizzatori sociali.

 

Scarica qui i documenti

28/08/2018