red-indicazioni-policy-integrazione-sanitaria-socio-sanit-assist-polis

Azioni
Caricamento...

Ricerca: Indicazioni di policy per l’integrazione sanitaria, socio-sanitaria ed assistenziale

Il policy paper intende mettere a disposizione dei consiglieri regionali gli elementi fondamentali su un tema fondamentale, data la sua rilevanza e le decisioni imminenti che coinvolgono il settore sanitario e socio sanitario.

Nel primo capitolo si analizza l’evoluzione della domanda di cura, strettamente connessa all’invecchiamento della popolazione e da una vita da anziani segnata da comorbilità (presenza di più patologie) e da una maggiore incidenza delle malattie croniche e degenerative. La società lombarda (e non solo) dei prossimi decenni sarà non solo più vecchia, ma con famiglie meno supportive per la riduzione del numero dei membri familiari, con meno caregivers familiari che oggi svolgono gran parte del lavoro di care, in un sistema in cui le badanti sono già oggi più numerose degli operatori professionali.

Nel secondo capitolo l’analisi si concentra sul contesto di Regione Lombardia, collocandola nella dimensione nazionale per l’assetto normativo, istituzionale e finanziario delle politiche socio-sanitarie. Il confronto tra Lombardia e contesto nazionale permette di evidenziare tanto i vincoli e quanto lo sviluppo autonomo del modello organizzativo e gestionale lombardo, che si distingue su scala nazionale per l’adozione della separazione tra committenza e produzione.

Nel terzo capitolo viene sviluppata un’analisi esemplificativa delle politiche per l’integrazione sociosanitaria attraverso un confronto inter-regionale focalizzato sulle politiche e gli interventi per l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), quale ambito elettivo per la presa in carico continuativa delle persone fragili e con patologie e forme di disabilità, psichiche e fisiche, croniche. La scelta di tale ambito è dettata dall’intenzione di operare un confronto tra diverse regioni confrontabili (Toscana, Veneto, Emilia Romagna) sulla base del modello di erogazione realizzati e sui risultati conseguiti, all’interno dello stesso quadro normativo nazionale e in risposta alla medesima domanda espressa – fragilità e cronicità.

Nel quarto capitolo, infine, si osserva la differenza tra modello a gestione diretta e indiretta discutendola attraverso i risultati raggiunti, le risorse economiche ed organizzative utilizzate, la capacità di copertura del fabbisogno e l’impatto di tali servizi rispetto all’articolazione regionale dei sistemi socio-sanitari. L’osservazione si basa sui dati disponibili rispetto ai modelli presentati, dati che, invece, mancano o sono lacunosi sui comportamenti agiti effettivamente e sull’efficacia clinica realizzata.

L’analisi è frutto di una ricognizione della quando demografico ed epidemiologico, della normativa nazionale e regionale, della letteratura specialistica in questo ambito di policy, nazionale ed internazionale, del lavoro di ricerca condotto direttamente dai ricercatori di Éupolis Lombardia, nel corso del 2013 sul modello di committenza dei servizi sanitari e sociosanitari.

 

Dirigente di riferimento: Alessandro Colombo, Éupolis Lombardia

Responsabile di progetto: Alessandro Colombo, Éupolis Lombardia

Gruppo di ricerca: Roberta Bonini, Università Cattolica del Sacro Cuore; Lucia Ferrara, Università degli Studi di Bari; Verdiana Morando, CERGAS Università Bocconi

Gruppo di lavoro tecnico: Dirigente responsabile: Luciana Fedrizzi Antonella Agosti, Fabrizio Benaglia, Laura Gabetta, Manuela Venuti

Committente: Consiglio regionale della Lombardia, Ufficio di Presidenza

Dati di pubblicazione: Rapporto finale, giugno 2014

Codice ricerca: REI13013

07/09/2018