red-politiche-transfrontaliere-problematiche-confine-polis

Azioni
Caricamento...

Policy paper: Politiche transfrontaliere e problematiche di confine

Il paper, partendo da considerazioni emerse da vari studi sulle caratteristiche delle relazioni tra la nostra regione e i cantoni svizzeri di lingua italiana, si propone di offrire un quadro dei possibili scenari e delle conseguenti prospettive di intervento, con una visione quindi di medio/lungo periodo della cooperazione transfrontaliera tra Lombardia e Svizzera.

Dal punto di vista del metodo, le analisi e le tesi presentate nel testo si basano su una review della letteratura sul tema; sull’analisi della stampa (italiana e svizzera) rispetto alle problematiche di confine e ai temi critici; sull’analisi desk di alcuni casi esemplari di cooperazione transfrontaliera in ambito europeo.

Nello sviluppo del paper particolare attenzione è stata prestata ai lavori della Commissione speciale del Consiglio regionale lombardo “Rapporti tra Lombardia, Confederazione Elvetica e Province Autonome”.

L’area territoriale di riferimento delle considerazioni proposte nel paper è innanzitutto l’area transfrontaliera tra Lombardia e Cantone Ticino (province di Como e Varese) e Cantone dei Grigioni (provincia di Sondrio), anche se è importante tenere presente che le tematiche trattate comportano analisi e implicazioni che hanno un ambito di lettura e impatti per tutta la Lombardia e per tutto il territorio svizzero.

Un’attenzione specifica è stata dedicata all’area (o regione) insubrica, che copre principalmente il territorio del Cantone Ticino e delle province di Como e Varese, per la maggiore criticità della stessa rispetto all’area Sondrio-Grigioni, anche in relazione al tema della cosiddetta “doppia frontiera” che caratterizza, tradizionalmente, la narrazione sul Cantone Ticino, contraddistinto verso Nord da una frontiera geografica, linguistica e in parte anche economica, e verso Sud da una frontiera politica e doganale.

“Doppia frontiera” che, secondo alcuni autori, oltre a penalizzare il Cantone spiegherebbe anche alcune delle sue atipicità rispetto al resto della Svizzera.

Il documento è stato presentato il 14 gennaio 2015, presso la sede del Consiglio regionale a Palazzo Pirelli, nel corso di una seduta congiunta della Commissione consiliare permanente I "Programmazione e bilancio" e della Commissione speciale "Rapporti tra Lombardia, Confederazione Elvetica e Province Autonome".

 

Dirigente di riferimento: Alberto Brugnoli / Alessandro Colombo, Éupolis Lombardia

Project Leader: Sabrina Bandera, Éupolis Lombardia 

Gruppo di ricerca: Sabrina Bandera, Éupolis Lombardia, Remigio Ratti, Università di Friburgo

Gruppo di lavoro tecnico: Luciana Fedrizzi (Dirigente responsabile), Antonella Agosti, Fabrizio Benaglia, Laura Gabetta

Committente: Consiglio regionale della Lombardia

Dati di pubblicazione: Rapporto finale, novembre 2014

Codice ricerca: IST13016

Documentazione

Documento compresso - 3,64 MB

06/09/2018