red-20190529-giovani-polis

Azioni
Caricamento...
giovani

Giovani lombardi: oltre l’85% è diplomato

Istruiti, lavorano soprattutto come dipendenti, vivono in famiglia e desiderano il primo figlio tra i 30 e i 34 anni: sono i giovani lombardi descritti nel documento che Polis-Lombardia ha preparato elaborando i dati di tre fonti: Istat, Indagine Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo (anni 2017, 2016, 2015) e Indagine Orim 2018.

 

L’istruzione

Al 2018, in Lombardia sono 1.998.845 i giovani (ossia persone tra i 15 e i 34 anni) e hanno un buon grado di istruzione: il 70,1%, infatti, possiede un diploma di scuola superiore, il 14,7% la licenza media inferiore, il 12,8% una laurea e il 2,4% un titolo post-laurea (le giovani donne in proporzione quasi doppia, con un 3,1% contro l’1,7% degli uomini).

Scelti soprattutto gli studi di tipo scientifico-tecnico (41,8%); a seguire, quelli in ambito umanistico-psicologico (20%), economico-statistico (8,3%) e giuridico (7,4%). I dati sottolineano una certa segregazione di genere nella scelta dei percorsi scolastici. Le donne, infatti, tendono a orientarsi verso una preparazione di tipo umanistico, giuridico, sociale e psicologico, a differenza degli uomini, che più spesso scelgono studi tecnico-scientifici ed economici. Un’eccezione è rappresentata dalle facoltà di ingegneria, cui hanno avuto accesso con la stesa proporzione sia gli uomini sia le donne.

 

Il lavoro

In prevalenza, i giovani lombardi hanno un’occupazione (il 64%), mentre fra chi non lavora la metà sono studenti (17%) e l’altra metà (19%) è nella cosiddetta condizione di “neet”: not–engaged-in education, employment or training. Non sono però tutti definibili come “inattivi scoraggiati”, perché buona parte di chi non sta studiando e non ha un lavoro (tre ogni quattro) sta cercando un’occupazione o sta avviando una attività in proprio o assieme ad altri. La maggior parte dei giovani lavoratori è occupata nei servizi (73,1%), il 25,3% nel settore industriale e solo l’1,6% nell’agricoltura.

A conferma dei dati sul tipo di istruzione, la preferenza maschile per la formazione scientifica-tecnica si riflette anche in una maggiore presenza nell’industria (il 37%) rispetto alle donne (solo l’8%). Il giovane lavoratore lombardo è in prevalenza dipendente (80,6%): la maggior parte (il 67%) ha un contratto a tempo indeterminato con una percentuale più elevate tra le donne (70,9%) che tra gli uomini (64,3%).

Le differenze di genere interessano anche il guadagno: il reddito netto medio del 69% dei maschi è tra i 1.000 e i 1.600 euro, mentre il 62% delle donne ha raggiunto un guadagno tra i 500 e 1.300 euro.

 

L’indipendenza

Oltre la metà dei giovani lombardi (il 58,6%) vive ancora con la famiglia di origine. Del circa 40% che ha invece lasciato la casa dei genitori, l’8% lo ha fatto per andar a vivere da solo o con altri, mentre il 33% per convivere con il proprio partner.

 

I figli

Di questi ultimi, il 19% ha già dei figli o è in attesa del primo, mentre il 14,6% non ne ha ancora. Interrogati su quando, realisticamente, pensano di avere il primo figlio, il 49% ha risposto “tra i 30 e 34 anni”, ma è consistente la quota di chi prevede di diventare genitore dopo i 35 anni (un giovane ogni tre).

 

Il volontariato e la partecipazione politica

Una buona parte dei giovani lombardi (circa il 45%) ha fatto esperienza di volontariato o di partecipazione politica: attività svolte tuttora da circa il 17%.

 

I giovani stranieri

Nel 2018, tra gli stranieri presenti in Lombardia il 41,6% era dato da giovani (di cui solo l’8,3% nati in Italia) con una presenza equilibrata tra uomini e donne (a differenza degli adulti, tra i quali spiccano le donne, probabilmente per la domanda di lavoro come collaboratrici domestiche, assistenti familiari, personale nei servizi di pulizia ecc.). Il 63% dei giovani è celibe o nubile (contro il 9% di chi ha più di 34 anni).

Sia i giovani che gli adulti mostrano un livello di istruzione relativamente elevato, con un’incidenza di laureati e diplomati superiore al 50% della popolazione esaminata.

Rilevante anche l’integrazione linguistica: tre quarti degli intervistati asserisce di avere una conoscenza dell’italiano buona o molto buona. In particolare, il 48,2% dei giovani dichiara di conoscerlo molto bene. Rimane però quasi l’11% di giovani che ammette di non conoscerlo per niente o poco. La condizione occupazionale degli stranieri si differenzia da quella degli italiani soprattutto per quanto riguarda la diversa incidenza della disoccupazione: è al 12,5% tra i giovani e al 10,6% tra chi ha più di 34 anni. Chi lavora è in prevalenza occupato a tempo determinato full time (28%). Rispetto ai “migranti che premono alle frontiere e vogliono raggiungere l’Europa”, solo circa poco più un terzo dei giovani stranieri ritiene che debbano essere accolti tutti; invece, oltre il 50% degli intervistati consentirebbe l’ingresso esclusivamente ai profughi in fuga da guerre e persecuzioni, mentre è più del 10% chi pensa che non dovrebbe entrare nessuno.

I giovani in Lombardia - Approfondimento

Documento PDF - 1,74 MB

I giovani in Lombardia - Presentazione

Documento PDF - 2,02 MB

29/05/2019